Memoria di lavoro e presa di appunti nell’interpretazione consecutiva: linee didattiche per la formazione dell’interprete

In ambiti professionali dove sono richiesti servizi di interpretariato, come le conferenze, incontri di lavoro, discorsi politici, ecc., la modalità consecutiva non suscita le stesse attenzioni di altri tipi di interpretazione, come per esempio quella simultanea, che si distingue per l’immediatezza nella consegna del messaggio o del discorso. E questo è un vero peccato.

L’interpretazione consecutiva, infatti, possiede delle caratteristiche che la rendono davvero indispensabile nell’attuale mercato professionale ed educativo, perché è un tipo di  interpretazione adattiva, versatile e potente.

L’interpretazione consecutiva svolge bene il suo lavoro anche in assenza di risorse tecnologiche; uno scenario impensabile con altre tipologie di interpretariato come quella simultanea.

Oltre alle necessarie capacità proprie della professione, un interprete consecutivo ha bisogno soltanto di due strumenti per lavorare bene: un taccuino e una penna che supportino la sua memoria di lavoro.

La seconda caratteristica importante dell’interpretazione consecutiva è di stampo pedagogico, dal momento che professionisti, ricercatori e  insegnanti concordano nell’affermare che questo tipo di interpretazione è una fase preliminare importante nella formazione degli interpreti che puntano a padroneggiare la modalità simultanea.

Gli esercizi e l’allenamento in consecutivo si sviluppano attraverso tanti piccoli compiti ed esercizi come l’analisi del discorso, l’organizzazione e la gerarchizzazione delle idee, la creazione e la memorizzazione di simboli e abbreviazioni, ecc.

Non è possibile prendere appunti con la dovuta precisione ed efficacia, se prima non si sono affinate le capacità di ascolto, comprensione ed elaborazione delle informazioni.

Questi tre processi sono interdipendenti, perché se l’interprete non ascolta non può capire il messaggio. Nel processo di comprensione, l’interprete costruisce una rappresentazione mentale del significato discorso globale per elaborare successivamente le informazioni eseguendo un’analisi accurata che svela l’intenzione del messaggio.

Il fulcro del lavoro di interpretazione consecutiva poggia sul rapporto tra due compiti specifici: prendere appunti e tenere a mente le informazioni principali del discorso, poiché è sull’efficacia di questa relazione che l’interprete fa affidamento per recuperare informazioni e produrre il messaggio. La relazione tra memoria di lavoro e presa di appunti degli interpreti consecutivi è stata oggetto di numerosi studi in tutto il mondo.

Come sappiamo, ci si aspetta che gli interpreti abbiano molto di più delle semplici competenze linguistiche. Oltre ad avere una conoscenza approfondita della lingua di arrivo (di solito le lingue di  lavoro straniere), gli interpreti dovrebbero anche padroneggiare la propria lingua e cultura, nonché le culture delle lingue  straniere con cui lavorano.

Ci sono anche altri aspetti significativi nell’interpretazione: principi etici e professionali; il ruolo dell’interprete come agente di comunicazione e come tramite tra lingue e culture.

Nell’interpretazione consecutiva, e per gli interpreti più esperti, prendere appunti è, in larga  misura, di scarsa importanza se confrontato con gli sforzi costanti per analizzare ciò che viene detto, comprenderne il significato e tradurlo in discorso nell’interpretazione simultanea.

Tuttavia, per gli interpreti meno esperti, prendere appunti è un ostacolo difficile da superare. È a quest’ultimo che si rivolge questo White Paper.

Innanzitutto cercheremo di capire cos’è la memoria di lavoro e se, e in che misura, incida sui compiti dell’interprete consecutivo.

Rifacendoci a studi autorevoli, scopriremo anche perché gli interpreti hanno una memoria di lavoro più efficiente rispetto alla media e quanto questo sia dovuto alla loro formazione.

Infine, ci soffermeremo brevemente su un aspetto critico per i neofiti, ossia la presa degli appunti, e condivideremo diversi consigli utili per velocizzare il processo di apprendimento di questa skill fondamentale.

Processi cognitivi: la memoria di lavoro nell’interpretazione consecutiva

La memoria di lavoro, o memoria operativa, viene descritta come il processo mentale attraverso il quale siamo in grado di immagazzinare informazioni temporaneamente per poi utilizzarle quando non sono accessibili ai nostri sensi.

L’informazione può provenire sia da uno stimolo esterno, ad esempio qualcosa che ci è appena stato spiegato, sia da stimoli immagazzinati, cioè un concetto che abbiamo già studiato in precedenza.

Si tratta di un tipo di memoria a breve termine che coinvolge la corteccia prefrontale, che è preposta al controllo delle funzioni esecutive. Ecco perché la memoria di lavoro ci permette di ragionare, pianificare e prendere decisioni.

È una delle funzioni esecutive che utilizziamo di più nella nostra vita quotidiana, in quanto ci aiuta a capire due o più informazioni che ci sono venute in mente in un breve lasso di tempo, per esempio quando stiamo parlando al telefono e ci ricordiamo che dobbiamo togliere i vestiti dalla lavatrice.

Ci permette anche di associare nuove conoscenze con quelle pregresse, come quando eseguiamo un’addizione: prima di saper fare una somma algebrica e di tenere a mente due o più cifre, è chiaro che dobbiamo conoscere e memorizzare cosa e quali sono i numeri.

Molte delle suddette informazioni sono il frutto del lavoro di Alan David Baddeley, uno psicologo britannico noto per i suoi studi sulla memoria di lavoro, in particolare per il suo modello di componenti multiple, che sono le seguenti.

ESECUTIVO CENTRALE

Questa componente è responsabile dell’esecuzione di due funzioni: assegnare risorse di attenzione alle attività che eseguiamo in un determinato momento e memorizzare le informazioni.

È un meccanismo di controllo attivo che si occupa di dirigere l’attenzione in modo appropriato al fine di utilizzare le informazioni ottenute e utilizzarle per risolvere i problemi. L’attenzione è una risorsa limitata, ecco perché questa componente cerca di allocarla in modo appropriato.

LOOP FONOLOGICO

l loop fonologico è il sistema responsabile della conservazione delle informazioni verbali in formato acustico per un certo periodo di tempo. Ciò è possibile grazie a due sottocomponenti: la memoria fonologica passiva e il processo di ripetizione articolatoria.

AGENDA VISUOSPAZIALE

La sua funzione è molto importante per preservare le informazioni sugli oggetti spaziali, attraverso le immagini. Le sue caratteristiche sono molto simili a quelle del componente precedente, tranne per il fatto che gestisce informazioni visive anziché sonore.

TAMPONE EPISODICO

Baddeley ha stabilito questo nuovo componente per completare il modello. È un archivio di informazioni temporaneo. In altre parole, funziona con informazioni multimodali, non solo parole o immagini, ed è principalmente caratterizzato dal permettere alla memoria a lungo termine e alla memoria di lavoro di scambiare informazioni.

Gli studi sul funzionamento della memoria degli interpreti consecutivi si basano dunque sul modello di memoria di lavoro proposto da Baddeley, in cui la memoria viene descritta come un sistema non solo preposto all’archiviazione temporanea e alla manipolazione delle informazioni, ma anche come un ponte capace di collegare le informazioni in entrata alle informazioni archiviate nella memoria a lungo termine.

La memoria di lavoro contribuisce in maniera significativa a processi come quelli di comprensione, divisione dell’attenzione e riformulazione, che è la parte finale, quella di output delle informazioni. Gli studi sulla memoria di lavoro degli interpreti, oltre a contribuire a un’analisi sperimentale e dettagliata del funzionamento della memoria di lavoro degli interpreti, sottolineano l’importanza della formazione graduale e programmata per gli interpreti e come ciò aiuterebbe a migliorare la loro memoria e la capacità di attenzione.

È vero che gli interpreti hanno una memoria di lavoro più efficiente della media?

Per indagare in che modo la formazione all’interpretariato può influenzare la memoria di lavoro, la ricerca scientifica spesso confronta il modo in cui interpreti esperti e interpreti principianti (o non interpreti) si comportano nei compiti di memoria di lavoro. I risultati sono contrastanti.

Ad esempio, nel complesso compito dell’ascolto sull’intervallo, gli interpreti alle prime armi hanno ottenuto risultati significativamente migliori rispetto a entrambi i gruppi di controllo in Köpke e Nespulous (2006), ma non ci sono state differenze di gruppo tra gli interpreti professionisti, interpreti studenti avanzati e principianti.

Con una rassegna completa, Dong e Cai (2015) hanno scoperto che la mancanza di prove coerenti per un vantaggio dell’interprete nell’uso della memoria di lavoro può essere attribuita a diversi punti deboli in alcuni studi precedenti, come la dimensione del campione insufficiente, la mancanza di un gruppo di controllo partecipante, la mancanza di controllo per fattori come l’età e la competenza linguistica.

Prendiamo il primo fattore come esempio. La dimensione del campione dei partecipanti era
piuttosto piccola in alcuni studi (ad esempio, 10 in Padilla, 1995 ; 11 in Liu, 2004; 12 in Chincotta e Underwood, 1998; meno di 13 in Signorelli, 2012), che può condurre a una portata statistica insufficiente.

Brysbaert e Stevens (2018) raccomandano che un esperimento del tempo di reazione adeguatamente potenziato con misure ripetute abbia almeno 1600 osservazioni per ciascuna condizione, ad esempio 40 partecipanti e 40 stimoli per ciascuna condizione.

Oltre a questi punti deboli, un’altra limitazione è data dal fatto che la maggior parte degli studi precedenti ha adottato un disegno trasversale. La presenza di alcuni punti deboli come l’età è inerente a uno studio di progettazione trasversale perché gli interpreti professionisti sono generalmente più anziani degli interpreti principianti o studenti.

Inoltre, un disegno trasversale non può chiarire il nesso di causalità di un vantaggio di memoria di lavoro dell’interprete. La possibilità è che alcuni tratti personali, come per l’appunto buone capacità mnemoniche di base, possano aver portato l’interprete a selezionare quella particolare carriera. In poche parole, sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire il rapporto tra memoria di lavoro e il compito di interpretare o l’esperienza di formazione all’interpretariato.

Come la formazione dell’interprete consecutivo influisce sulla memoria di lavoro

Gli studi precedenti hanno fornito contributi inestimabili per spingere in avanti la frontiera della ricerca.

Quello di cui ci accingiamo a parlare adesso, tuttavia, è andato persino oltre.

La ricerca ha adottato due misure principali nel tentativo di rispondere alla domanda su come l’addestramento per interpreti consecutivi influenzi le funzioni della memoria di lavoro.

Innanzitutto, concentrandosi sull’addestramento per interpreti consecutivi e confrontandolo con l’apprendimento generale di una lingua L2; in secondo luogo, utilizzando un disegno
longitudinale con una dimensione campionaria sufficiente che fosse ben controllata nelle caratteristiche di background rilevanti (ad esempio, età,  intelligenza, stato economico sociale e storia di apprendimento delle lingue).

Queste misure avevano lo scopo di garantire che eventuali differenze di memoria di lavoro tra i due gruppi potessero essere attribuite esclusivamente al tipo di addestramento linguistico seguito.

Teoricamente, il modello dei processi incorporati proposto da Cowan (1988, 1995) è il più rilevante per il presente studio. L’idea critica è che la memoria umana sia un unico sistema di archiviazione composto da elementi a vari livelli di attivazione.

Questo sistema può essere concepito come memoria a lungo termine, in cui alcuni elementi sono al di sopra della soglia di attivazione.

Questi elementi attivati, che si pensa siano nella memoria a breve termine, sono al di fuori della consapevolezza cosciente ma influenzano comunque l’elaborazione come il priming semantico.

Alcuni elementi della memoria a breve termine cadono nel focus dell’attenzione e sono in uno stato iperattivato, e quindi devono essere mantenuti o manipolati con uno sforzo consapevole. Secondo Cowan (1995, p. 100),

… La memoria di lavoro si basa su quelle informazioni attivate insieme ai processi esecutivi centrali.

Basandosi sul modello di Cowan (1988), Mizuno (2005) ha proposto il suo modello allargato di processi incorporati per l’interpretazione, aggiungendo i due processi di comprensione e produzione del linguaggio ai due lati del modello originale e sottolineando l’interazione tra il sistema di memoria e il sistema linguistico durante il processo di interpretariato.

Questa concettualizzazione della memoria di lavoro dal punto di vista dei processi embedded spiega bene non solo la dinamica del sistema di memoria, ma anche la differenza tra interpretariato consecutivo e formazione generale L2 in termini di memoria di lavoro.

Durante l’interpretazione consecutiva, l’interprete ascolta un tratto dell’input della lingua di origine, quindi richiama il più accuratamente possibile in un’altra lingua ciò che è stato trasmesso nell’input.

In generale nella formazione L2, lo studente comprende e produce ma non deve ricordare i messaggi ascoltati. In altre parole, sebbene sia l’interprete consecutivo che lo studente L2 debbano concentrarsi su un segmento del messaggio che stanno ascoltando o stanno producendo, l’interprete consecutivo deve ricordare dall’inizio di un tratto di input.

Prendendo in prestito i termini utilizzati da Cowan nel suo modello, affinché l’interprete possa ricordare, l’Esecutivo Centrale rivolge l’attenzione (cioè, riattiva) il tratto di input che ha già superato il focus di attenzione, e il contenuto in focus di attenzione è in corso di aggiornamento.

Sebbene  il focus di attenzione debba essere costantemente aggiornato sia per l’interprete che per lo studente L2 generale per svolgere bene qualsiasi compito di lingua genuina,

interpretare o ricordare nel modo più accurato possibile in un’altra lingua è sicuramente più impegnativo in termini di accuratezza e tempo di risposta rispetto ai compiti generali L2 di ascolto, lettura, conversazione e scrittura.

In una conversazione generale L2, ad esempio, la comprensione orale è importante, ma l’interlocutore potrebbe chiedere chiarimenti se non riceve il messaggio, e spesso è abbastanza tollerante anche se non comprende ogni singolo dettaglio di ciò che gli viene detto.

Dunque, si è ipotizzato che la funzione di aggiornamento della memoria di lavoro fosse strettamente correlata alle prestazioni di interretariato consecutivo e che la formazione stessa per interpreti consecutivi potesse aiutare a migliorare l’aggiornamento.

Gli interpreti possono elaborare l’input della lingua di partenza in modo parallelo, ovvero la loro elaborazione della lingua di partenza può essere influenzata dalla lingua di destinazione (ad es. Dong e Lin, 2013), suggerendo che gli interpreti potrebbero disporre di un modo più efficiente di elaborare la lingua di partenza in modo che possano ricordare meglio i dettagli e ottenere prestazioni migliori nei compiti di ampiezza verbale della memoria di lavoro.

Inoltre, Ecker (2010) ha scoperto che gli intervalli e  l’aggiornamento della memoria di lavoro sono strettamente correlati, dando il là a un’altra teoria secondo cui gli intervalli verbali della memoria di lavoro fossero correlati alle prestazioni dell’interpretariato consecutivo e che di conseguenza la formazione dell’interprete consecutivo potrebbe aiutare a migliorare gli intervalli verbali di memoria di lavoro.

Le insidie della presa di appunti

Innanzitutto un chiarimento: il processo di annotazione non è del tutto perfetto. Non potrà mai sostituire la presentazione orale che abbiamo ascoltato in precedenza.

Tuttavia, gran parte di ciò che diciamo è di scarsa importanza ai fini della conversazione. Il ruolo dell’interprete in questo processo di presa di appunti è, quindi, quello di selezionare ciò che viene detto e di rendere solo ciò che sarà importante per i destinatari del messaggio.

Questo non può essere un processo meccanico: più meccaniche sono le note dell’interprete, minore è la qualità dell’interpretazione.

Prendere appunti non equivale a fare un dettato, ma ha lo scopo di sostenere la memoria di lavoro dell’interprete al momento di interpretare un messaggio.

Le note sono di breve durata e possono essere utilizzate solo entro pochi minuti dalla pronuncia del discorso da interpretare.

Quando l’oratore finisce il discorso, ciò che è stato detto dovrebbe essere ancora fresco nella memoria dell’interprete e le note sono lì proprio per richiamarlo velocemente e senza esitazioni.

Quando l’oratore finisce il discorso, ciò che è stato detto dovrebbe essere ancora fresco nella memoria dell’interprete e le note sono lì proprio per richiamarlo velocemente e senza esitazioni. Le note sono personali.

Per questo motivo possono essere utilizzate solo dall’interprete che le ha prese e solo entro un determinato lasso di tempo.

Un problema comune dell’interprete alle prime armi è quello di esagerare con le note, finendo per prestare scarsa attenzione alle parole di chi parla. La resa può, quindi, finire per essere un discorso superficiale con gravi errori e contraddizioni facilmente evitabili.

Consigli per la presa di appunti nell’interpretazione consecutiva

Ecco un elenco di misure suggerite da interpreti professionisti:

  • Prendete appunti velocemente. Non aspettate la parola “giusta”, perché non è il momento giusto per fare i perfezionisti.
  • Annotate parole facili da capire per rinfrescare la memoria quando dovete rendere il discorso.
  • Evitate di usare fogli spaiati o vi ritroverete con fogli di carta disorganizzati; usate piuttosto dei taccuini 15 x 20 cm.
  • Scrivete solo su un lato della pagina.
  • Usate una matita.
  • Scrivete in maniera leggibile per richiamare velocemente le idee e non rischiare di perdervi durante il discorso dell’oratore.
  • Durante l’interpretazione, mantenete sempre il contatto visivo con il pubblico.
  • Evitate di usare abbreviazioni ambigue.
  • Usate simboli esistenti e non inventate mai un simbolo durante il discorso che non sia facilmente riconoscibile.
  • Cambiate la struttura delle note usando il buonsenso, rispettando sempre la coesione del discorso e l’intenzione di chi parla.

Cosa dovreste annotare

Prendere sempre nota di:

  • Le idee principali: le idee secondarie verranno ricordate durante il processo di interpretazione
    mentale e la resa.
  • Opinioni e punti di vista: sono sempre percepibili e l’interprete potrebbe non essere in grado di trasporli nella sua interpretazione durante la consegna.
  • Numeri: sono molto importanti per il discorso, sono gli stessi in ogni lingua e sono facili e veloci da annotare (al contrario di date più difficili da capire).
  • Termini tecnici: sono meno frequenti e possono darvi non pochi grattacapi.
  • Connettori: collegano la memoria a ciò che ha detto l’oratore. Sono importanti perché mostrano la sequenza delle idee e anche le idee opposte.

Cosa è successo e quando (tempi verbali): perché collocano il discorso nel tempo.
Le frasi dette dall’oratore che fungono da introduzione e conclusione, in quanto aiutano a comprendere il discorso.

Parole chiave: sono importanti non per il loro significato linguistico, ma per quello che significano nella mente dell’interprete (il significato che acquisiscono per chi parla).

Come prendere appunti

Tutto dipende dallo scopo del discorso da interpretare: un discorso informativo richiede la piena presa di appunti, soprattutto quando si tratta di fatti particolarmente insoliti; tuttavia, se l’evento è insolito, una parola può bastare.

Un discorso descrittivo necessita anche di una presa completa di appunti, ma basata su aspetti dettagliati che descrivono perfettamente ciò che si intende trasmettere.

Un discorso argomentativo si basa su molte meno informazioni. In questo caso useremo più connettori e parole chiave. Gli appunti devono essere presi nella lingua in cui verrà eseguita l’interpretazione (lingua di arrivo), così da consentire all’interprete di dissociare le due lingue. L’interprete, quindi, sarà meno propenso a usare una traduzione letterale nel bel mezzo del discorso.

Se l’interprete non ricorda una parola nella lingua di destinazione quando prende appunti – e per evitare di rimanere bloccato su quella parola e perdersi nel discorso dell’oratore – dovrebbe annotare il termine nella lingua di partenza e continuare a prendere appunti. Ciò farà risparmiare un sacco di tempo finché non gli verrà in mente la parola giusta.

Alcuni interpreti hanno sviluppato un perfetto sistema di simboli per aiutarsi durante l’interpretazione.

Le abbreviazioni, invece, possono essere molto utili quando si tratta di nomi di Paesi (DE per la
Germania, PT per il Portogallo), unità di misura (km per chilometro o m per metro) o elementi chimici ( O per ossigeno, Pu per plutonio), tra gli altri.

Quanto scrivere: troppo o troppo poco

L’interprete dovrebbe annotare il meno possibile e il più rapidamente possibile per evitare di rimanere bloccato sulle parole. L’obiettivo è consegnare un discorso scorrevole e accurato, basato sulle informazioni annotate. Insomma, il lavoro degli interpreti è complicato dall’immediatezza di ogni momento e dalla brevità di ogni frase. Non esiste un metodo perfetto, ma buone pratiche collaudate che possano essere un buon punto di partenza per tutti coloro che desiderano abbracciare quest’arte.
Contact Form
close slider