Interpreti e traduzioni al Festival di Sanremo: i professionisti che prestano la voce ai VIP più importanti

Il palco del Teatro Ariston di Sanremo ospita ogni anno VIP di fama mondiale in occasione del Festival della Canzone Italiana. Ecco chi si cela dietro alle “voci italiane” delle Star!

Anno dopo anno, il Festival della Canzone Italiana di Sanremo si conferma un evento mediatico di altissimo rilievo, dove la musica resta sicuramente il tema principale, affiancata da uno show a 360° ricco di sketch ed interventi dei vari personaggi invitati dal direttore artistico.

Spazio a parte quello invece riservato ai VIP più importanti, generalmente “stelle” di Hollywood o cantanti internazionali di fama mondiale. Raramente uno di questi personaggi conosce la lingua italiana in modo tale da poter interloquire sul palco con i conduttori. Ecco, dunque, che subentra la figura dell’interprete, in questo caso un professionista che offre un servizio di interpretariato simultaneo per dare voce alle risposte del VIP.

Eppure, suona un po’ strano nel 2024 trovare sul palco del Teatro Ariston un conduttore che abbia bisogno di un interprete di lingua inglese per scambiare quattro chiacchiere con un ospite internazionale di fronte al pubblico di un evento di così alto spessore e così tanto seguito.

Ci si aspetta ovviamente sempre il massimo dal programma più importante presente nel palinsesto Rai. Eppure, nonostante il conduttore – in questo caso Amadeus – accolga gli ospiti sul palco con qualche parola in inglese, c’è sempre la voce di un interprete che dal backstage traduce il dialogo tra conduttore e ospite.

In realtà, la presenza di un interprete professionista è sempre fondamentale, soprattutto a questi livelli, anche se il conduttore (o la co-conduttrice) dimostrano di saper parlare la stessa lingua dell’ospite e di poter tradurre il loro dialogo.

Non è il loro compito, loro sono lì per presentare e condurre il programma, è giusto che il ruolo di interprete venga affidato ad un professionista del settore, il quale può garantire la fedeltà della traduzione, assumendosi anche la responsabilità di quanto tradotto in diretta mondiale.

Eppure, esattamente 20 anni fa, un conduttore ha fatto da interprete sul palco durante lo speaking di un ospite. Era il 2004, il Festival di Sanremo era condotto da Simona Ventura, Gene Gnocchi, Maurizio Crozza e Paola Cortellesi. Ospite di quell’anno: Dustin Hoffman, il quale ha letto (in lingua inglese) “If”, la celebre poesia di Rudyard Kipling. In questo caso, Gnocchi ha tradotto “a modo suo” la poesia recitata dall’attore americano, inserendo (scherzosamente) nella traduzione riferimenti a Berlusconi, Del Noce e Moratti.

Congressi Internazionali, agenzia leader nel campo dell’interpretariato per meeting, congressi, conferenze stampa e molti altri eventi, mette a disposizione dei propri clienti un network di interpreti professionisti di altissimo livello, figure che non hanno nulla da invidiare a coloro che hanno già lavorato in Rai e che magari, un giorno, potranno prestare la loro voce da uno dei VIP ospiti del Festival di Sanremo.

Marketing Team

Chiamaci

+39 3755806530

+39 0282957099

+39 0687502007

Oppure scrivici tramite l’apposito form di contatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Form
close slider